Il vecchio fabbricato rurale diventa villa gentilizia

In Sicilia tra i monti Iblei a nord di Ragusa sull’altopiano collinare che si affaccia sul mar mediterraneo i resti di alcuni fabbricati rurali destinati al ricovero del bestiame sono stati riadattati e trasformati in villa gentilizia. L’architetto Francesco Nicita si è lasciato ispirare dal luogo a vocazione rurale, dalle tracce delle antiche costruzioni trovate sul lotto e da alcuni elementi tipici come la corte principale, gli orti conclusi e i giardini formali.

CASA TALÌA: RESTAURO E SLOW LIVING IN SICILIA  

{loadposition googlenicora}

L’abitazione è costituita da diversi fabbricati disposti su di un lotto a forma di L delimitato dai tipici muri a secco in pietra calcare che identificano il paesaggio agricolo circostante. Il volume principale della villa è formato da due costruzioni gemelle affiancate, un tempo entrambe adibite a stalla. La prima delle due è il risultato della ristrutturazione dell’esistente, mentre quella adiacente è un’edificazione ex novo sul sedime della stalla ormai irrecuperabile.

Il vecchio fabbricato rurale diventa villa gentilizia

Il vecchio fabbricato rurale diventa villa gentilizia

La tipologia del parallelepipedo sormontato da un tetto a doppio spiovente è stata mantenuta e replicata seguendo anche la medesima posizione delle aperture. La differenza dei materiali e delle soluzioni tecniche adottate per la realizzazione dei due fabbricati permette un dialogo sincero tra l’esistente e il nuovo: da un lato ci sono la pietra calcarea e il legno e dall’altro il calcestruzzo utilizzato sia per i muri sia per i pavimenti.

La casa si sviluppa su due livelli collegati attraverso una scala interna in ferro con gradini in pietra lavica. Al piano terra è collocata la zona giorno in contatto diretto con il giardino e con la piscina. Al primo piano trovano posto due camere da letto con relativi bagni e uno studio che si affaccia sulla doppia altezza del soggiorno.

Il vecchio fabbricato rurale diventa villa gentilizia

Il vecchio fabbricato rurale diventa villa gentilizia

All’interno del giardino sono stati realizzati altri due piccoli corpi di fabbrica: uno destinato a laboratorio e l’altro ad autorimessa. I due edifici accessori, collegati tra loro attraverso un tunnel in calcestruzzo a vista, si distinguono giacché uno è in acciaio e vetro mentre l’altro è in muratura.

Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi