Monolite autosufficiente sulla roccia: storia della battaglia uomo-ambiente

Monolite autosufficiente sulla roccia: storia della battaglia uomo-ambiente

Monolite autosufficiente sulla roccia: storia della battaglia uomo-ambiente
Share

Il rifugio autosufficiente che somiglia ad un monolite sulla roccia, progettato da Bearth & Deplazes Architekten, rappresenta la storia di una coraggiosa sfida tra uomo e ambiente. Quando le condizioni climatiche e morfologiche di un paesaggio lo rendono naturalmente inospitale per l’uomo, le più innovative tecnologie costruttive e di risparmio energetico sono l’unico strumento in mano ai progettisti per vincere la battaglia dell’uomo colonizzatore contro la natura ostile.

Architettura ad alta quota: il rifugio Gouter sul monte Bianco

Il rifugio alpino di cinque piani, sorge in un contesto decisamente avverso per l’uomo, situato ai piedi del monte Rosa e a circa 3000 metri di altitudine: un paesaggio isolato, incredibilmente freddo, in definitiva un ambiente non antropizzabile.
L’edificio autosufficiente sulla roccia è un punto di riferimento in un panorama dalle tinte algide e decisamente fuori-scala; con la sua forma concisa, è un volume compatto adagiato sulla dorsale rocciosa, potente, epico nella sua monoliticità che si scompagina in numerose facce diversamente orientate.

La forma compatta dell’architettura non è però semplice suggestione poetica, ma risposta concreta a problematiche legate alla questione dell’efficienza energetica: il monolite dal volume pieno minimizza la superficie esterna e massimizza quella interna, riducendo la dispersione del calore attraverso il rivestimento; i prospetti riescono a risparmiare e accumulare energia allo stesso tempo, rispettivamente attraverso l’alta capacità isolante dei materiali della facciata e le ampie finestrature perimetrali. La facciata sud, rivestita interamente con pannelli fotovoltaici, massimizza gli introiti energetici, che rendono l’edificio per il 90% autosufficiente.

L’organizzazione spaziale e funzionale del rifugio è volta a privilegiare la qualità degli spazi privati: i progettisti collocano i sistemi distributivi verticali in periferia, così da tagliare l’involucro con finestre a nastro e incrementare la superficie utile per l’irraggiamento e l’illuminazione naturale, oltre ad offrire al visitatore suggestivi scorci sul paesaggio.
Lo spazio centrale, un atrio baricentrico in cui convergono gli assi geometrici dell’impianto, è lo spazio pubblico, da cui si accede alle camere, luminose, spaziose, numerose.

La scelta del materiale da costruzione è ricaduta, anche stavolta, sul legno: materiale leggero ma sufficientemente resistente sotto l’aspetto statico e costruttivo, offre un alto grado di prefabbricazione a tutto vantaggio delle tempistiche e dell’economia del cantiere in legno. Non essendo il sito accessibile da settembre a maggio, l’organizzazione del cantiere è dipesa dalla sua praticabilità: i componenti in legno sono stati trasportati con un elicottero e montati direttamente in situ in soli quattro mesi.

Fin dal concepimento dell’edificio, tutte le fasi progettuali hanno riservato la massima importanza alla questione dell’impatto dell’edificio sull’ambiente: l’Istituto di Ingegneria ambientale dell’ETH di Zurigo, è stato coinvolto in tutte le fasi di costruzione del fabbricato, per garantire la sostenibilità del rifugio da un punto di vista ecologico, attraverso lo studio dei materiali, dei componenti e dei processi di costruzione.

Leggi anche:

Il ristorante che serve in tavola prodotti biologici a “metro zero”

Materie prime a “metro zero” sulla tavola di un ristorante dotato di un rigoglioso orto: finora li avevamo visti solo ad Amsterdam nel 2001 c

Progetti di autogrill: un “vulcano” ecosostenibile lungo l’Autostrada dei Laghi

Ai progetti di autogrill si aggiunge Villoresi Est, sorto nel 2012 lungo l’autostrada Milano-Laghi che vanta un flusso di circa trenta milioni

Infrastrutture turistiche a basso impatto: il campeggio nel parco naturalistico

L’opera rappresenta un mirabile esempio italiano di architettura nel paesaggio e del paesaggio, realizzata tra il 2005 e il 2007 dallo St

Case di luce. Architettura pugliese “zero energy”

È in fase di realizzazione a Bisceglie (BT) il progetto “Case di Luce-Rigenerazione Urbana Passiva e Architettura a zero Energy”, a cura del

Diogene: la mini abitazione sostenibile firmata Renzo Piano

Nel giugno 2013 è stata presentata la più piccola abitazione del mondo installata nel giardino del Vitra Campus in Germania. Si tratta di Dioge

Tags:

baita
montagna
rifugio

via Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.:

|

Monolite autosufficiente sulla roccia: storia della battaglia uomo-ambiente

rifugio-monolite-roccia-a

Il rifugio autosufficiente che somiglia ad un monolite sulla roccia, progettato da Bearth & Deplazes Architekten, rappresenta la storia di una coraggiosa sfida tra uomo e ambiente. Quando le condizioni climatiche e morfologiche di un paesaggio lo rendono naturalmente inospitale per l’uomo, le più innovative tecnologie costruttive e di risparmio energetico sono l’unico strumento in mano ai progettisti per vincere la

Prosegui la lettura su: Monolite autosufficiente sulla roccia: storia della battaglia uomo-ambiente

Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Monolite autosufficiente sulla roccia: storia della battaglia uomo-ambiente

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi