Sono 8 i lupi ammazzati in Maremma dagli allevatori di pecore

<!–occhiello:start–>Sono 8 i lupi ammazzati in Maremma da cacciatori e allevatori e con le proteste degli animalisti arriva on line la petizione per chiedere che il bracconaggio sia sospeso<!–occhiello:end–> Gli allevatori della Maremma contro i lupi a colpi di fucile. A oggi ne sono…

Leggi il seguito

Casa rurale costruita con la tecnica della terra pisè nella campagna toscana

Share

Due architetti e coniugi italiani, Pietro e Sisma Melloni, hanno realizzato una piccola casa rurale nei campi toscani di Stribugliano, in provincia di Grosseto, attraverso un’antica tecnica costruttiva, oggi riportata in auge dall’architetto austriaco Martin Rauch: la terra cruda pisè. Questa tecnica edilizia, già utilizzata dagli uomini primitivi e successivamente ripresa nei trattati degli architetti settecenteschi, consiste

nel “pressare” e impastare la terra con acqua, paglia e fibre naturali. La terra, così lavorata, acquista le stesse caratteristiche meccaniche del calcestruzzo, sfuggendo, però, al pericolo della produzione di anidride carbonica. 

 Approfondimento: la terra cruda e le principali tecniche di costruzione

La terra impiegata nella costruzione della casa rurale toscana è stata ricavata in opera dalla stessa area di cantiere, senza, perciò, alcuna spesa per il trasporto, un vero e proprio materiale a costo e a km zero.

 I VANTAGGI DELLA TERRA CRUDA PISÈ
Il sistema di lavorazione, oltre alla tutela dei paesaggi naturali e all’impiego di risorse locali, assicura un buon isolamento dell’edificio, conferendogli, allo stesso tempo, capacità antisismiche e resistenza al fuoco.

L’inerzia termica è garantita anche dallo spessore delle murature (70 cm quelle esterne e 50 cm quelle interne) e dall’isolamento a cappotto in cannucciato, composto da pannelli in canne palustri provenienti dai laghi circostanti. Le canne, solitamente legate con filo zincato o con filo di nylon, favoriscono un buon isolamento termico e acustico e non presentano alcuna sostanza tossica, né lavorazioni dannose per la salute e per l’ambiente.

In molti si sono posti il problema della pioggia. Secondo quanto affermato dai progettisti, le piogge di modeste intensità non arrecano danni alla casa rurale, perché a contatto con l’acqual’argilla contenuta nei muri diventa viscida e si comporta come una pellicola in grado di proteggere la struttura interna

Invece, nel caso di piogge consistenti, la soluzione è stata mutuata dalla tecnica già sperimentata dallo stesso Rauch e basata nell’inserimento di file di mattoni cotti lungo le murature in modo che funzionino da rompigoccia.

La terra battuta, come viene chiamata in gergo, non solo è stata usata nella struttura portante e nei tramezzi divisori interni, ma anche nell’ambito delle finiture. Infatti, l’intonaco, ottenuto dall’impasto della stessa terra con inerti naturali e vegetali, ha dimostrato di possedere elevata capacità igrometrica: la sua composizione risulta resistente al vapore acqueo e all’assorbimento di acqua.

 CONTRIBUTI TECNOLOGICI SOSTENIBILI
A completare il progetto ecosostenibile ci pensano sia pannelli solari termici e fotovoltaici, istallati sul tetto e posizionati in modo tale da non essere visibili da terra, che le serpentine elettriche che diffondono calore all’interno di pavimenti realizzati con eco materiali.

 LA CASA E IL PAESAGGIO RURALE
Infine, l’impatto visivo dall’esterno è minimo poiché la terra non è stata trattata,ma conserva il suo aspetto naturale, pertanto si inserisce perfettamente nel contesto rustico dell’ambiente circostante. I due giovani progettisti hanno voluto riportare in Italia le esperienze architettoniche del Marocco, dove è possibile incontrare case con un rivestimento esterno che richiama i colori della terra su cui sono state costruite.

Tuttavia, come ci ricordano gli stessi ideatori, se un giorno si volesse demolire la casa, “più del 50% della costruzione potrebbe tornare ad essere un campo arato” essendo costituita unicamente da materiali biodegradabili.

Leggi anche:

Un asilo ecosostenibile in 13 mesi. Il progetto in Val Venosta

Nel 2009 il Comune di Silandro, nella Val Venosta, ha indetto un concorso di progettazione per la realizzazione di un asilo ecosostenibile. La ga

Energy Box apre nuove frontiere per la ricostruzione a L’Aquila

Energy Box è un progetto virtuoso di ricostruzione post-sisma, terminato la scorsa primavera, in cui prevalgono efficienza, sicurezza e sostenib

Cucinella per il più grande quartiere di housing sociale in Italia

Anche Mario Cucinella firma il Villaggio Expo 2015, la cui inaugurazione è prevista per il primo Maggio 2015. A seguito del concorso del 2008 in

Un’enorme cupola in rame per una cantina umbra: il Carapace di Arnaldo Pomodoro

Osservando da lontano questa imponente eppur quieta cupola di rame che cerca di mimetizzarsi tra gli elementi naturali del paesaggio che ospita l

Milanofiori: modello abitativo contemporaneo sostenibile

Il quartiere Milanofiori Nord ad Assago (Milano) si sviluppa su criteri di elavata qualità e sostenibilità ambientale sia a livello compositivo

Tags:



Leggi il seguito

FestAmbiente in Maremma 2013

FESTAMBIENTE Festival internazionale di ecologia e solidarietà Quando : 9/18 Agosto Dove:Festambiente si svolge presso il Parco Naturale della Maremma, in località Enaoli a Rispescia, in provincia di Grosseto Ulteriori informazioni : Legambiente Tel. 0564/48771 Fax 0564/487740 info@festambiente.it www.festambiente.it Entra nel blog per leggere tutto l’articolo …..

Leggi il seguito

FestAmbiente 2013: Grosseto 10-19 agosto 2013

FestAmbiente moltiplica i suoi appuntamenti! Dal 10 al 19 agosto a Ripescia, in provincia di Grosseto, torna l’appuntamento con FestAmbiente, la festa nazionale di Legambiente, con lo scopo di diffondere i valori dell’ambientalismo e allo stesso tempo divertirsi. Buona musica dal vivo, cibo biologico, commercio equo e solidale, intrattenimento per i pi&ugrave…

Leggi il seguito

Fracking: risorsa o minaccia energetica? La nostra inchiesta

Fracking: risorsa o minaccia energetica? La nostra inchiesta Yes.life: il web magazine della sostenibilità ambientale e della vita sostenibile e

Leggi il seguito

E' un allevatore il nuovo Delegato Coldiretti Giovani Impresa Toscana

Vini e Sapori Giovani: fa l’allevatore il nuovo delegato regionale under 30, Comitato più giovane di sempre (24 anni). Paolo

Leggi il seguito